bet365 UK

wordpress joomla template

ALTRE CITTA’

- categoria Città

 

ALTRE CITTA’ IN BREVE

 

Tabriz

Capoluogo dell’ Azerbaijan Iraniano, a circa 624 Km dalla capitale Teheran, Tabriz si trova a circa 1350 metri di altezza, all’interno di una valle circoscritta da montagne e rappresenta oggi un itinerario fondamentale per i commerci che si snodano tra la parte settentrionale del paese e il resto del mondo. Fondata in epoca pre-sassone, occupata prima dai Mongoli e poi dai Turchi, fu ripetutamente dominata dai Russi ai quali si deve la costruzione di una linea ferroviaria che collegava il paese con l’ex unione sovietica e che ancora oggi riveste un ruolo di particolare importanza per il commercio del paese; la lunga dominazione russa viene oggi avvertita dall’architettura particolare del paese nonché dal carattere degli abitanti.

L’attività principale è la manifattura dei tappeti, ma la zona è rinomata anche per la lavorazione degli argenti e dei gioelli.
Tabriz è una località di montagna pertanto il paese è caratterizzato da forti escursioni termiche che comportano inverni molto freddi e nevosi ed estati calde e secche.

 

Assolutamente da non perdere il grande bazar coperto del XV secolo: una specie di labirinto in cui ancora oggi è suggestivo perdersi tra le meraviglie architettoniche.

Dagli albori della cristianità esiste una numerosa comunità armena e la città vanta un gran numero di chiese, menzionate anche da Marco Polo nelle sue memorie. L’edificio più interessante è la Kelisa-yè Maryam-è Moghaddas, antica ma in gran parte ricostruita.

 

 

 

Qom

Qom (o Qum) è sempre stata uno dei principali centri della dottrina sciita. E’ la città nella quale molti eminenti capi religiosi hanno compiuto gli studi teologici ed ha assunto un ruolo di particolare rilievo sia nell’ambito del movimento di opposizione all’ultimo scià sia durante tutto il periodo della rivoluzione.

Qom è una tra le principali mete di pellegrinaggio dei musulmani sciiti grazie alla tomba di Fatemè, sorella dell’imam Reza.

 

Gran parte dei monumenti di sono legati alla religione. La maggiore attrattiva è rappresentata dall’ Astanè, il Santuario, entro il recinto del quale sorge una grande e pittoresca moschea. Poco lontano dal santuario si eleva la magnifica Masjed-è Jame, raffinato esempio di architettura safavide.

 

 

 

Qazvin

Situata sul versante sud-occidentale dei Monti Elburz, a 145 km a ovest della capitale.
La città è nodo ferroviario e aeroportuale ed è sede di industrie tessili, metalmeccaniche, del vetro e della gomma. Sviluppato è anche l’artigianato dei tappeti.
Nel XVI secolo la città fu particolarmente importante in quanto capitale dell’Impero safawide.

 

La bellissima Moschea Masquid-i Gamil (parte costruita nel XII secolo e parte in epoca safawide) , la Madrasa Haidariva, lo Shazdeh Hosein e il palazzo di Chehel Sutoon con relativo museo.

 

 

 

Hamedan

capitale sotto l’impero di Ciro, anticamente si chiamava Apadana; si possono visitare diversi monumenti: il Mausoleo di Ester e Mardocheo, quello di Baba taher e il Mausoleo di Avicenna famoso filosofo di x secolo, oltre a numerosi bassorilievi. A 75 chilometri si possono visitare le grotte di Alisadr uno dei più belli spettacoli naturali dell’Iran.

 

 

 

 

Kashan

A 258 km da Teheran, la città di Kashan è un’affascinante oasi in mezzo al deserto.
La sua fondazione è collocata in epoca sassanide ed ha conosciuto prosperità dall’epoca dei Selgiuchidi fino alla dominazione safavide.
E’ famosa ancora oggi per le sue mattonelle di ceramica, i tappeti e le sete.
Ai margini della città si trova uno dei siti archeologici più importanti del Paese (Seyak).

 

Il giardino Bagh-è Tarikhi-ye Fin è probabilmente uno dei più belli rimasti in tutto l’Iran. Progettato per lo scià Abbas I, il giardino è stato sempre particolarmente apprezzato per le sue sorgenti naturali. Nel giardino sorgono vari edifici reali.

 

 

 

Masuleh

E’ un paese delle montagne del Talesh, nel nord dell’Iran.
La sua caratteristica è di essere talmente appiccicato alla montagna che le stradine interne del paese corrono sui tetti delle case.
E’ la seconda città storica al mondo (dopo Venezia) ad essere stata proclamata patrimonio dell’UNESCO

 

 

 

 

Ahwaz

Capoluogo della provincia del Khuzistan (sud ovest Iran). Situata al centro di una ampia pianura sul fiume Karun, fu importante mercato già sotto la dinastia sassanide; assunse il nome attuale all’epoca della conquista araba (638), divenendo un attivo emporio di traffici, soprattutto per lo zucchero di canna. Decaduta di importanza a partire dal sec. XVI, riacquistò l’antica prosperità all’inizio del Novecento in seguito alla scoperta dei giacimenti petroliferi del Khuzistan e alla costruzione della ferrovia transiraniana che, provenendo dal Mar Caspio, si biforca ad Ahvaz, collegando la città ai porti di Khorramshahr e Bandar-e-Khomeyni, sul Golfo Persico. Aeroporto.

 

 

 

 

Ramsar

E’ la contea e città più occidentale della provincia di Mazandaran. Confina col mar Caspio a nord, la provincia di Gilan a ovest, con quella di Qazvin a sud, e con Tonekabon ad est.

 

Le mete turistiche più importanti sono le spiagge, la stazione termale, le foreste dei monti Alborz ed il palazzo dell’ultimo Shah.

 

 

 

Astara

Città al confine con la repubblica dell’Azarbaijan.
E’ molto prossima al Mar Caspio ed è situata a nord dei monti Alborz.
E’ rinmata per i lavori di artigianato e per l’ospitalità degli abitanti.

 

Colpiscono le magnifiche foreste, le incredibili strade di montagna, i fiumi dagli ampi letti, i numerosi luoghi storici.

 

 

 

Natanz

E’ un piccolo centro a 90km da Esfahan conosciuto per il mercato agricolo (frutta e tabacco).

 

Fiorente già in epoca preislamica (sussistono ancora resti di un tempio sassanide del fuoco), dell’epoca islamica conserva un notevolissimo complesso comprendente una bella moschea a quattro ivan, un santuario ottagonale cupolato, la tomba di ‘Abdu’s Samad al-Isfahani e un minareto a torre cilindrica, con tracce di decorazione in ceramica smaltata.

 

 

 

Kermanshah

Il nome di Kermanshah è risale dal periodo Sassanide.
Kermanshah è uno dei primi sete città più grandi dell’Iran (Tehran, Mashad, Isfahan, Tabriz, Shiraz, Kermanshah, Ahwaz), con i suoi 780 mila abitanti nel 2005 che risale più di 1.5 milioni con la sua provincia. Viene considerato una città montuosa con i temperature mite nel state con le sua cascate e fiumi.
Questa città è famosa come madre di città Kurdi al mondo. Kermanshah è uno delle aree più antiche nel medio oriente dove gli archeologi hanno trovato fin ora infinita di oggetti che sono testimonianza di questo storia, sono diverse grotte (almeno dieci) che sono testimonianza dei uomini primitivi e preistoria e Neandertla, nelle queste aree.

 

Come i primi villaggi costruiti nel Medio Oriente si trova alcuni esempi nella provincia di Kermanshah. Oltre le grotte e luoghi da scavo da vedere ci sono Taghe bostan, complesso di Bisotun, castello Kohneh, Bazare Kermanshah. Cimitero Parti, moschea Emad Dole, mosche di Chehel sotun jam e diverse mosei, Sarab Nilufar.

 

 

 

Bandar Busher

Situata nella parte meridionale del paese sulla costa affacciata sul Golfo Persico. Il capoluogo è la città di Bandar-e-Bushehr situata sulla costa e secondo porto più importante del paese dopo Bandar ‘Abbas. La provincia è divisa in sette distretti: Bushehr, Dashti, Daylam, Kangan, Genaveh e Tangestan.

 

Nella provincia di Bushehr, circa 270 km a sud del capoluogo, si trova l’area industriale di Assaluyeh nella quale operano circa 70.000 tecnici e ingegneri provenienti da tutto il mondo, in quest’area si trova il giacimento di gas naturale di South Pars considerato il più grande giacimento di gas del mondo. Nelle operazioni di estrazione e sfruttamento del giacimento è coinvolta con ingenti investimenti anche la società italiana ENI.

 

 

 

Bandar Abbas

È la capitale della provincia di Hormozgan. La città sita nel sud dell’Iran è una la porta verso il golfo Persico, ad una distanza di 500 km. a sud della città di Kerman. In questa città con il suo aeroporto internazionale e il porto oltre alla linea ferroviaria, è un importante punto di collegamento dell’Iran nella zona sud verso il golfo Persico. Il nome Bandar Abbas ha origine nel periodo Safavide da shah Abbas (Bandar = Porto), il quale ha fondato questo porto nel 1623 per combattere contro i Portoghesi. Nel periodo di Mohamad Reza Shah, questo porto è stato rinnovato grazie agli ingeneri Italiani, poichè prima si trattava di un piccolo porto per pescatori, mentre oggi è una porto importante sia per il commercio che per le navi che partono per le isole Iraniane nel golfo Persico ( sedici isole di proprietà dell’ Iran) e verso il resto del mondo, oltre, naturalmente, per la pesca.

 

Tra i luoghi interessanti non bisogna dimenticare di visitare la tomba Indiana (tomba Buddista).

 

 

 

Gorgan

Gorgan è nella provincia di Golestan, nella parte nord-orientale del paese sulla costa meridionale del mar Caspio. La provincia fu costituita nel 1997 separandone il territorio dalla provincia di Mazandaran. Il capoluogo è la città di Gorgan che fino al 1937 era chiamata Esteraba o Astarabad. Altre città di rilievo sono: Bandar Turkaman, Bandar Gaz, Ali Abad, Kord Kooy, Gonbad Kavoos e Minoo Dasht.

 

 

 

 

Candovan

La città di Candovan, sita nella regione dell’ Azebaijan ad est dell’Iran, è famosa per la sua tipologia: è l’unica costruita “nella montagna”. Fu concepita dopo gli attacchi dei Mongoli, poiché la catena montuosa del Sahan, d’origine vulcanica, ben si conformava per ospitare e nello stesso temo proteggere gli abitanti di quest’area.
Il clima di Candovan è molto mite nel periodo estivo ed con la neve nel periodo invernale, dagl’Iraniani viene considerato come un’area molto piacevole per la sua temperatura.

 

La città di Candivan è uno dei tre esempi al mondo nella quale gli abitanti hanno scelto di vivere come gli uomini preistorici. La differenza maggiore con le altre due (Cappadocia in Turchia e Dacuta in America) consiste nel fatto che nessuno vive “proprio nei fori scavati nella montagna” come in antichità.

Questo villaggio, oltre alla temperatura mite e un paesaggio unico, offre un’ospitalità eccezionale, i suoi abitanti, infatti, sono pronti ad invitarvi per con dividere con voi quel poco che hanno.

 

 

AMPERSIA.com del Centro Italo-Iraniano di Cooperazione Culturale ed Economica srl - p.iva IT03987510231

The best bonus by bet365 Ελλάδα 100% for new user.

Full Joomla 3.0 Theme free theme.